Attendere...

Bombino Nero

Vitigno a bacca nera, coltivato in particolar modo nella Puglia centro-settentrionale, secondo alcuni autori originario della Spagna. Un suo sinonimo è “Bambino”, nella cultura contadina vorrebbe che il grappolo assomiglia ad un bambino; un’ altra interpretazione vorrebbe la provenienza dall’ altro sinonimo “Buonvino” che in spagnolo sarebbe “BOMBINO” . Per cui l’ indicazione della varietà “Bombino nero” e corrispondente a “Buon vino nero”.

Vitigno abbastanza rustico, non molto esigente; il grappolo si presenta di peso medio, mediamente compatto, alato. L’ acino piccolo, di peso basso, sferoide; epidermide di colore bluastro, buccia pruinosa e spessa e consistente; il succo è incolore e neutro.

Epoca di maturazione: medio-tardiva, si vendemmia verso la prima decade di ottobre.

Denominazione Puglia IGP Bombino nero - Rosè

Dati agronomici

Vitigni utilizzati: Bombino Nero (100 %)
Zona ubicazione vigneto: Puglia – Colline dell’alta Murgia
Altitudine: 380 mt.s.l.m.
Tipo di suolo: calcareo, argilloso di medio impasto
Sistema di allevamento: cordone speronato
Ceppi/ha: 4500
Resa uva q.li/ha: 90 q.li
Epoca di vendemmia: metà ottobre
Dati enologici

Vinificazione: pressatura soffice con fermentazione temperatura controllata
Affinamento: acciaio 3 mesi – bottiglia 1 mese
Resa di uva in vino (%): 60
Estratto secco (gr./lt): 23,0
Acidità totale (gr./lt): 6,6
PH: 3,25
Zuccheri residui (gr./lt): 3,0
Alcol svolto: 12,5 % vol
Caratteristiche Organolettiche 

Colore: vino dal colore rosa riflessi violacei appena accennati
Profumo: bouquet delicato, adeguatamente fruttato
Sapore: gusto pieno, rotondo con sentori di frutta esotica ben espressa al palato
Altri dati

Abbinamento: indicato per carni bianche, minestre e formaggi delicati
Temperatura di servizio: 8-10 °C
Conservazione: in luogo fresco, al riparo dalla luce e da fonti di calore

Formato: 75 cl