Attendere...

Orfeo

Il nome del vitigno deriva da due parole indicanti entrambe il colore nero, la latina NIGRA e la greca MAVRO , utilizzate in abbinamento per sottolineare l’intenso colore nero, scuro, sia della buccia dell’uva che del vino ottenuto. È la varietà più diffusa nelle province di Lecce e Brindisi e partecipa, in forma prevalente, alla maggior parte dei vini rossi e rosati di
queste due province. Negli ultimi anni è diventato importante per i consumatori oltre che per le eccellenti caratteristiche organolettiche anche per l’aspetto salutare dovuto all’alto contenuto di resveratrolo. Orfeo è pieno, armonico, dal profumo intensamente fruttato ed etereo. Ha tannini complessi sul palato e un’acidità perfetta combinata a sapori di spezie e prugna.
ZONA DI PRODUZIONE
Salento, in una zona che da Taranto arriva fino a Brindisi, esposta alla brezza dello Ionio e dell’Adriatico.
VARIETÀ
Negroamaro.
VIGNETI
Alberello tipico pugliese.
VINIFICAZIONE
La vendemmia viene effettuata alle prime ore dell’alba. Macerazione per 12/15 giorni con rimontaggi e successiva pressatura soffice delle vinacce. Fermentazione termocontrollata a 25° C.
AFFINAMENTO
3 mesi in acciaio, 12 mesi in barriques di rovere francese e americano e 3 mesi in bottiglia.
DATI ANALITICI
Alcool 14,5%; acidità totale 5,75 g/l; pH 3,65; zuccheri residui 5,50 g/l; S02 totale 85 mg/l.
NOTE DI DEGUSTAZIONE
Colore rosso rubino con tendenza al granato; bouquet ampio e speziato, con sentori di frutti di bosco; gusto rotondo, pieno, morbido ed equilibrato.
ABBINAMENTI GASTRONOMICI
Suggerito su primi piatti, carni rosse, cacciagione e salumi.
Ossigenare e servire a 18° C.


     

Formato: 75 cl
Formato: 150 cl
Formato: 300 cl