Attendere...

Riserva Salice Salentino

Per denominazione di origine dei vini si intende il nome geografico di una zona viticola particolarmente vocata, dove si producono vini regolati da un disciplinare di produzione. La denominazione di origine controllata “Salice Salentino” è riservata ai vini che provengono dalle uve coltivate nella specifica zona attorno al paese così chiamato. La riserva è una qualifica attribuita ai vini che siano stati sottoposti al maggiore invecchiamento previsto dal disciplinare non inferiore ai due anni. Il vigneto da cui si ricava questa riserva si estende su 4 ettari di vigne di Negroamaro e Malvasia Nera di Lecce, tutte allevate secondo il metodo tradizionale dell’alberello pugliese. Un colore intenso rosso rubino con riflessi granati caratterizza questo vino; è asciutto al palato, equilibrato e corposo.
ZONA DI PRODUZIONE
Salento, tra le province di Brindisi e Lecce vicino al paese di Salice Salentino.
VARIETÀ
Autoctoni rientranti nel Salice Salentino.
VIGNETI
Alberello tipico pugliese.
VINIFICAZIONE
La vendemmia viene effettuata alle prime ore dell’alba. Diraspatura e pressatura soffice degli acini. Fermentazione a temperatura controllata di 25° C.
AFFINAMENTO
12 mesi in barriques di rovere francese, 6 mesi in botti grandi di rovere, 4 mesi in acciaio e 4 mesi in bottiglia.
DATI ANALITICI
Alcool 13,5%; acidità totale 5,65 g/l; pH 3,55; zuccheri residui 6,45 g/l; S02 totale 85 mg/l.
NOTE DI DEGUSTAZIONE
Colore rosso rubino con riflessi granati; profumo elegante, intenso di confettura, speziato e piacevole il sentore di legno ben integrato; gusto pieno, armonico, con delicato fondo tannico.
ABBINAMENTI GASTRONOMICI
Suggerito su primi piatti importanti, arrosti di carne e formaggi stagionati.
Ossigenare e servire a 18° C.


 

Formato: 75 cl