Attendere...

CANTINE PAOLOLEO


La Convention Nazionale delle Cantine Paolo Leo
Il Salento di Paolo Leo brinda ai suoi 30 anni con i primi Tre Bicchieri assegnati dal Gambero Rosso, la guida di riferimento mondiale della vitivinicoltura italiana, in occasione dell’annuale convention Nazionale celebrativa degli ottimi risultati ottenuti, durante la quale verranno segnate le linee guida del futuro dell’azienda.

Lecce, 14 gennaio 2017 - Nella splendida cornice barocca della città di Lecce, si svolgerà l’annuale convention delle Cantine Paolo Leo, azienda leader nel Salento del vino di qualità, che quest’anno è lieta di annoverare tra i suoi ospiti Attilio Romita, responsabile della sede Rai di Bari, pugliese doc e amante delle eccellenze enologiche salentine.

Una vitivinicoltura, quella delle cantine Paolo Leo, che fa scuola nei settori dell’ecosostenibilità e della sicurezza,  e lascia intravedere una crescita esponenziale di questa realtà di grande impatto economico e qualitativo.  Lo scorso 27 dicembre, infatti,  l’azienda  vinicola salentina  ha ottenuto la certificazione BRC – British Retail Consortium, grado AA, e la certificazione IFS – International Food Standard, Higher Level. Il primo è uno standard relativo alla sicurezza alimentare, fondamentale in particolare per operare nel mercato britannico, mentre il secondo sancisce l’affidabilità delle aziende del settore food in termini di qualità e sicurezza dei prodotti.

I numeri dell’azienda Paolo Leo sono importanti

35 ettari di vigneto in aumento grazie a nuove acquisizioni.

Grazie ad una linea di imbottigliamento completamente automatizzata la cantina è capace di imbottigliare 6000 bottiglie l’ora.

Oltre 2 milioni di bottiglie vendute ogni anno in tutto il mondo

Un fatturato che sfiora i 9 milioni di euro, generati in buona parte dalle vendite oltre confine con particolare riferimento a Danimarca, Svezia, Norvegia, Regno Unito, Germania, Svizzera, Usa, Brasile e altri.

Benché la vocazione internazionale dell’azienda sia confermata dai dati vendita del 2016 che vedono il 56% della produzione destinato all’export,i dati relativi al mercato interno sono altrettanto soddisfacenti con  il 44% del prodotto venduto in Italia, suddiviso tra Horeca (38%) e GDO (6%). Un risultato entusiasmante sul mercato nazionale, che attesta un incremento del 10% rispetto al 2015!

Punto di forza dell’azienda è la sua strutturazione: una conduzione familiare integrata da 25 collaboratori.

Una rete vendita da far invidia, forte di oltre 80 agenti in Italia.

Soddisfazione viene  espressa dal patron dell’azienda, Paolo Leo, da sempre convinto sostenitore della promozione del territorio e dei suoi prodotti agronomici: “ Sono orgoglioso dei riconoscimenti ottenuti che considero un punto di partenza per fare sempre meglio e lavorare nella direzione indicata dai nuovi mercati. Il consumatore italiano, come quello straniero, esige un prodotto enologico di qualità, salubre e soprattutto di buon rapporto qualità/prezzo. Intendiamo, come famiglia Leo, fare ogni giorno del nostro meglio in questa direzione, con l’impegno e la costanza che da sempre ci contraddistinguono nel panorama pugliese e in special modo salentino.  I Tre Bicchieri assegnati dal Gambero Rosso al Primitivo di Manduria Passo del Cardinale ’14 confermano che stiamo progredendo e che la stampa se n’è accorta, riconoscendo un Oscar allo stesso prodotto, che è tra i migliori vini italiani sotto i 13 euro”.

«Si tratta di un’azienda grande che sta diventando una grande azienda. La Paolo Leo poggia su valori autentici: il lavoro, l’ambiente, la vigna e l’impegno di tutta una famiglia.  E ha un grande potenziale ancora da esprimere... Preparatevi!» sono le parole di Marco Sabellico, curatore della Guida Vini d’Italia del Gambero Rosso, che sarà presente all’evento.

Ma quella del Gambero Rosso non è una voce isolata...

Tanto per citare solo quelle dell’anno appena trascorso si segnala:

International Wine Challenge 2016:

•             Commended: Primitivo DOP Manduria 2014;

•             BronzeMedal:Triade Rosso Puglia 2014

 

International Wine and Spirit Challenge 2016:

•             BRONZE MEDAL: Fiore di Vigna Primitivo Salento IGP 2014;

•             SILVER MEDAL: Numen Chardonnay Salento IGP 2015;

•             BRONZE MEDAL: Primitivo DOP Manduria 2014;

•             GOLD MEDAL: Salice Salentino Riserva Dop 2011;

•             BRONZE MEDAL: Triade Bianco Campania IGP 2015;

•             SILVER MEDAL: Triade Rosso Puglia IGP

 

Decanter World Wine Awards 2016:

•             Commended: Fiore di Vigna Primitivo Salento IGP 2014;

•             Commended: Primitivo DOP Manduria 2014;

•             Commended: Passitivo Primitivo 2014

 

Selezione del Sindaco 2016:

•             GOLD MEDAL : Fiore di Vigna Primitivo IGP Salento 2014;

•             SILVER MEDAL: TaccorossoNegroamaro 2013;

•             SILVER MEDAL: Nerimatti Salice Salentino Riserva 2010;

Mundus Vini – 19th  Grand International Wine Award

•             Gold Medal “Fiore di Vigna” Primitivo IGT Salento 2014

Robert Parker’s “The Wine Advocate” 2016:

•             90 Points: Salice Salentino Riserva 2011

•             89+ Points: “Passitivo” Primitivo IGP 2014

•             88 Points : “Fiore di Vigna” Primitivo IGP Salento 2014;

•             88 Points: “Orfeo” Negroamaro IGP 2014;

 

Insomma, tutto lascia intravedere una crescita dinamica e esponenziale della Paolo Leo sul mercato nazionale e internazionale, anche in considerazione del fatto che la sua offerta è molto ampia, e propone vini “per tutti”, dai top wines a quelli di consumo giornaliero. Un’azienda, oggi, davvero in grado di accettare le sfide dei nuovi mercati!


Autore: